Valentina De Palma video intervista - ApplaudArt Stories
Valentina De Palma: come ho mollato l’architettura a 40 anni per diventare chef
13/08/2020
Max Bucci coltellinaio su ApplaudArt
Max Bucci: essere un coltellinaio non è solamente un lavoro
18/09/2020

Monica Artoni: ecco cosa significa essere una dietista in cucina

Basta dare un'occhiata al profilo della dietista Monica Artoni sul nostro social selling market, per capire subito che siamo davanti a una professionista che conosce il valore dello storyselling per far crescere il proprio personal brand

Chi è Monica Artoni?

Perché hai scelto di diventare una dietista?
Sono sempre stata appassionata al settore benessere, in particolare al binomio sport e alimentazione. Ho iniziato a dedicarmi alle attività sportive all’età di 5 anni, e questo mi ha permesso di provare fin da piccola i benefici di un sano stile di vita. Diciamo che ho compreso subito che per stare bene è necessaria una corretta alimentazione.

Chi sei oggi?
Sono diventata sicuramente una donna molto indipendente, amo la libertà e raggiungere gli obiettivi che mi sono prefissata. Avere costantemente una sfida aperta con me stessa mi fa sentire viva.


Avere costantemente una sfida aperta con me stessa mi fa sentire viva


Sei sempre stata così?
No, non sono sempre stata così, nel senso che da ragazzina ero molto timida e abbastanza insicura, però ci ho lavorato tanto. E adesso ho capito che se voglio veramente lavorare come piace a me, devo pormi sempre degli obiettivi.

Col tempo ho anche imparato che essere mamma significa non smettere mai di imparare… Ad oggi mi ritengo una persona soddisfatta di me, del mio essere in divenire.


Per contattare Monica in chat
clicca qui

Di mare e follia

La cosa più folle che hai fatto?
La cosa più folle che ho fatto è stata sicuramente il viaggio a Londra quando avevo 18 anni: dissi a mia mamma che stavo per andare a Londra il giorno stesso della partenza. Se non avessi agito così, essendo lei molto ansiosa, mi avrebbe rotto le scatole per mesi, e quindi, con l'appoggio di mio fratello più grande, ho fatto… a modo mio (sorride, ndr).


A 18 anni dissi a mia mamma che stavo per andare a Londra il giorno stesso della partenza


Un tuo luogo felice?
Un luogo felice... senza pensarci troppo, sicuramente il mare. Fa parte di me. Anche quando sono arrabbiata, se posso, vado al mare. E tutto diventa diverso.

Forse perché il mare dà risposte senza spiegazioni.
Credo di sì, ha la capacità di rilassarmi e di rendermi felice, credo sia qualcosa di spirituale.

Come ti sei sentita quando hai iniziato la tua carriera? Non mi sembra facile emergere nel tuo settore.
Iniziare da libero professionista in un settore come il mio è abbastanza complicato. Nel senso che c'è tantissima concorrenza. Tra le altre cose, quando esci dall'università non sei pronto al lavoro vero e proprio, perché chiaramente si studia molta teoria, e nonostante si facciano tirocini pratici, avere a che fare con i pazienti è un'altra cosa.

Personalmente, baso molto del mio lavoro sull'ascolto. Credo fermamente che solo così si possa fare la differenza. Molto del successo professionale dipende da quanto si riesce a capire chi abbiamo davanti.

È un aspetto fondamentale per chi come me opera nei servizi alla persona. Puoi essere il professionista più bravo del mondo ma se non sai ascoltare non potrai mai emergere.


Baso molto del mio lavoro sull'ascolto


Domanda retorica ma doverosa: perché scegliere un professionista per iniziare una dieta?
Quando si vuole iniziare un percorso di rimessa in forma, così come qualsiasi altro percorso che ha a che fare con la salute, è importante rivolgersi a un professionista, perché il fai da te, soprattutto in questi settori, non è mai una scelta saggia.

Si leggono talmente tante stupidaggini su internet, a volte anche sui profili social delle influencer, che se non hai le competenze e le conoscenze giuste per "difenderti", si rischia di fare danni alla propria salute.

Solo un professionista con una valida formazione è in grado di individuare il piano dietetico giusto per una determinata struttura corporea. È come cucire un abito su misura: la personalizzazione diventa fondamentale.

Educare i bambini a una sana alimentazione

In un post che hai condiviso su ApplaudArt, hai elencato 10 regole per educare i bambini a una corretta alimentazione. I genitori ti chiedono spesso dei suggerimenti da seguire?
Lavorare con i bambini non è semplice. E qui si torna a quello che ti dicevo prima: l'ascolto. E spesso si finisce per ascoltare solo i genitori, che è un errore grave secondo me.

Sono convinta che sia molto importante ascoltare i bambini, parlare con loro. Se ai nostri figli spieghiamo il perché questo o quello non va mangiato, capiscono. Se invece diciamo loro solo “no, questo non lo puoi mangiare”, non capiscono.

Ti racconto un aneddoto. Paziente di 7 anni. La madre si lamentava costantemente del fatto che il bambino non mangiasse verdura. Quando ha finito di parlare la madre, ho chiesto al bambino: “Tu che ne pensi? Come mai questa verdura non la mangi?”. La sua risposta è stata: “Ma se mamma e papà non la mangiano... perché io la devo mangiare?!”.

Una risposta del genere dice tutto. L'esempio, nell’educazione, è la cosa più importante.


Una domanda-feedback: come ti stai trovando su ApplaudArt?
Credo che abbia un grande potenziale. Io ho iniziato ad utilizzarlo come strumento di comunicazione per i miei pazienti, per divulgare i principi della sana alimentazione e fidelizzare i clienti che seguo online, o anche per accoglierne di nuovi.

Oltre al motore di ricerca per categoria e provincia, ha sicuramente dei grandi vantaggi per chi svolge un lavoro come il mio da libero professionista: poter offrire servizi oltre che prodotti.

Tra l'altro, alcuni utenti della community di ApplaudArt mi hanno già contattata direttamente in chat per chiedermi delle consulenze online o visite in studio.

Torniamo all'alimentazione: il tuo piatto preferito?
Il mio piatto preferito? Senza dubbio la pizza. A differenza di quello che si può pensare, le dietiste amano mangiare, non solo verdure.


Il mio piatto preferito? Senza dubbio la pizza


L'obiettivo professionale che porti sempre con te?
Quello di rimanere nei pazienti e nei colleghi che incontro ogni giorno non solo come dietista, ma anche come una persona capace di lasciare dentro di loro qualcosa di bello.

ApplaudArt e liberi professionisti: l'offerta di servizi nel settore Benessere


ApplaudArt ha sicuramente dei grandi vantaggi per i liberi professionisti come me: poter offrire servizi oltre che prodotti



ApplaudArt ha sicuramente dei grandi vantaggi per i liberi professionisti come me: poter offrire servizi oltre che prodotti


La video intervista a Monica Artoni

Scopri ApplaudArt
il passaparola si fa social


5Logo ApplaudArt

Condividilo con i tuoi amici!
Daniele Piovino
Daniele Piovino
Web content editor. Ho scritto su Rolling Stone, Write and Roll Society, MOW, HTML.it, Il Fatto Quotidiano, Bastonate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *